Tavola disegno 1 copia

“Rivoluzione verde a tutta la tecnologia”: il DG IT Antonio Amati e il CTO Alessandro Mantelli su MoltoFuturo

“Rivoluzione verde a tutta la tecnologia”: il DG IT Antonio Amati e il CTO Alessandro Mantelli su MoltoFuturo

22-09-2022

​Il digitale per la transizione ecologica. Le tecnologie sono una risorsa preziosa e imprescindibile per compiere la rivoluzione verde: Il Governo ha destinato a questo obiettivo, nell’ambito del PNRR, 59,46 miliardi.

Oggi su MoltoFuturo ne parlano Antonio Amati, direttore generale IT di AlmavivA e Alessandro Mantelli, CTO di AlmavivA, intervistati da Paolo Travisi.

"Interpretiamo l'attuazione del PNRR come il passaggio chiave per una crescita strutturale, basata su competenze, innovazione e visione di lungo periodo", dice Amati. "La forza dell'innovazione non passa attraverso una singola tecnologia ma attraverso la capacità di far interagire le tecnologie, di rendere i diversi sistemi interoperabili fino a creare un nuovo modello architetturale e un ecosistema che veda la collaborazione di tutti i soggetti, pubblici e privati, coinvolti in un settore, ad esempio nell'ambito ambientale o della salute".

Diverse le tecnologie digitali che interagiscono per sostenere e dare slancio alla transizione ecologica.

"L’IoT è lo strumento fondamentale per creare interazione tra mondo fisico e digitale. Sta diventando un elemento imprescindibile per il monitoraggio e l'automazione di alcuni processi per far parlare i due mondi".
"Le enormi quantità di informazioni raccolte da IoT non possono essere trattate dall'uomo, ed ecco l'importanza degli algoritmi di IA che sono e saranno sempre più un supporto al trattamento di dati".

Qualche esempio pratico? "Siamo impegnati su sistemi di monitoraggio ed efficientamento della rete idrica, su soluzioni di smartcities e smartland; per diminuire il consumo energetico di edifici e aziende, spingendo sull'efficientamento energetico tramite modelli software - energymanagement -, mentre per l'evoluzione tecnologica in agricoltura, stiamo usando sistemi geospaziali per analizzare colture e terreno".

Leggi l'articolo in Sala Stampa