Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

2016

:

AlmavivA Contact: necessarie soluzioni di risanamento stabili

AlmavivA Contact: necessarie soluzioni di risanamento stabili

Sindacati sordi all’appello del Governo

Roma, 16 dicembre 2016 - Il richiamo del Governo alla responsabilità delle parti sulla vertenza AlmavivA Contact viene accolto in modo sprezzante dalle Organizzazioni Sindacali che, a poche ore dall’appello della Viceministro Bellanova, ricorrono ancora una volta ad una desolante attività di mistificazione della realtà, alterando le altrui e le proprie posizioni.

Con l’odierna comunicazione delle segreterie nazionali, si pretende di far passare come reali (e “scellerate”) affermazioni inesistenti attribuite all’Azienda e, allo stesso tempo, si omette di riferire che l’unica intenzione ventilata nell’incontro di ieri dal Sindacato è stata la richiesta di ulteriori misure di ammortizzazione sociale, peraltro sommariamente presentate nell’ambigua modalità di un utilizzo della CIGS progressivo e a base volontaria su tutti i siti produttivi.

Nella riunione del 15 dicembre, AlmavivA Contact ha confermato come il solo ricorso ad ammortizzatori sociali - già lungamente e inutilmente utilizzato - sia fine a se stesso, inadeguato e fuorviante in mancanza di interventi dai caratteri strutturali che garantiscano il raggiungimento dell’equilibrio aziendale, la salvaguardia dell’occupazione e soluzioni di risanamento stabili.

Inoltre - e nonostante la rappresentazione distorta contenuta nella nota sindacale - la proposta avanzata a suo tempo da AlmavivA Contact per un percorso industriale alternativo alla riorganizzazione in atto, non è stata affatto ribadita perché già fuori dal tavolo del confronto, secondo quanto comunicato dall’Azienda lo scorso 6 dicembre a fronte della assoluta indisponibilità del Sindacato.

Dopo la prolungata, sostanziale noncuranza di fronte all’aggravarsi della crisi, dopo il rifiuto di rispettare accordi formalmente sottoscritti, registrato durante gli stessi incontri in sede ministeriale, dopo mesi di sottrazione da ogni confronto di merito, in presenza di un sistematico lavorio di deformazione della realtà, ci si chiede se la presunta ricerca di intese da parte del sindacato abbia una qualche credibilità.

Se tutelare lavoro e lavoratori seguita a rimanere un insensato espediente retorico, accompagnato dalla miope rivendicazione di una gestione assistenziale della crisi - questa sì una posizione scellerata - è davvero difficile rintracciare la parte di responsabilità ed il contributo di idee che, in questa difficile situazione, dovrebbe legittimare il ruolo sindacale.