Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

PAC

:

PAC

PAC

Gestiamo la complessità per semplificare il Paese 
 

La Pubblica Amministrazione Centrale ha intrapreso un processo di profondo rinnovamento e di modernizzazione, in coerenza con quanto previsto dall’Agenda digitale che fissa gli obiettivi da raggiungere entro il 2020 per la crescita della cultura digitale nell’Unione europea.
In particolare, la nuova Strategia per la crescita digitale 2014-20 definisce le principali aree verso le quali indirizzare risorse e mezzi dell’IT, per lo sviluppo di servizi digitali 2.0 e la partecipazione attiva di cittadini e imprese.

In linea con i principi dell’Open Government, i Governi, le Amministrazioni Centrali e Locali sono impegnati a promuovere opportunità di innovazione nella relazione tra istituzioni e cittadini, in termini culturali e operativi, secondo i concetti chiave di accessibilità, trasparenza e interoperabilità.

ln questa direzione, per il prossimo quinquennio, il piano strategico dell’Agenda Digitale ha l’obiettivo di strutturare e far evolvere gli asset della PA, ponendo al centro della propria visione l’interazione tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione, in cui i diversi attori siano parte informata e attiva di un processo di digitalizzazione che si propone come autentica porta verso il futuro.

AlmavivA collabora da sempre allo sviluppo del patrimonio informativo dello Stato - dalla contabilità all’agricoltura, dalla sanità alla fiscalità, dai beni culturali alla previdenza fino alla difesa e sicurezza - e ha affiancato costantemente le amministrazioni nel loro processo di trasformazione, come ad esempio nel progetto della rete telematica integrata della Pubblica Amministrazione SPCoop (Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione applicativa), che ha integrato le infrastrutture ICT delle pubbliche amministrazioni per garantire i servizi di interoperabilità, cooperazione e sicurezza applicativa.

AlmavivA affianca da anni gli Enti previdenziali nazionali nel costante impegno a migliorare l'organizzazione e i servizi offerti al cittadino e al dipendente: tra i vari servizi erogati, è affidato ad AlmavivA il Centro unificato di back up, che assicura il Disaster Recovery e custodisce le memorie e i sistemi informatici degli Enti con i dati previdenziali di 57 milioni di persone, italiani e stranieri.

Nell’ambito specifico della Finanza Pubblica, AlmavivA lavora a stretto contatto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze e con la Corte dei conti nello sviluppo dei principali sistemi di finanza e di contabilità pubblica del Paese, e nell’evoluzione e gestione dei sistemi del Bilancio, del Conto del Patrimonio, della contabilità economica delle PA, della Direzione del Tesoro e della Finanza Statale e Locale  per la Corte dei conti.

In tale contesto, AlmavivA ha sempre coadiuvato l’amministrazione nell’individuazione degli strumenti idonei ad attuare modifiche ai sistemi, nei tempi previsti dalle nuove normative, fornendo supporto sia funzionale che tecnico. 

In particolare, per il Ministero dell'Economia e delle Finanze AlmavivA ha realizzato il sistema centralizzato per il pagamento delle retribuzioni al personale delle PA (NoiPA), che emette ogni anno circa 21.000.000 di cedolini degli stipendi dei dipendenti pubblici.

Il Ministero dell’Università e Ricerca ha affidato ad AlmavivA la gestione dell’infrastruttura tecnologica del sistema informativo dell’Istruzione, a conferma della sua esperienza innovativa in questo campo: la soluzione si basa su un’architettura “Private Cloud” nella quale un’unica Server Farm “globale” permette  agli utenti, attraverso un opportuno portale di Self Provisioning, di strutturare e gestire gli ambienti secondo le esigenze correnti.

Tra i numerosi progetti realizzati, AlmavivA ha collaborato con il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero dell’Interno, il Poligrafico e Zecca dello Stato nella realizzazione del Passaporto Elettronico, del Permesso di Soggiorno Elettronico e della Carta di Identità Elettronica.

AlmavivA, inoltre, ha realizzato per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il Portale della Vigilanza (WIN – Work Intelligence Network) che rende disponibili servizi informativi sia per il cittadino che per gli addetti alla Vigilanza Ispettiva. Al Portale, che attua la Cooperazione applicativa, hanno accesso gli Ispettori del Ministero del Lavoro ma anche altri Enti interessati, in modo particolare INPS, INAIL, ma anche il Nucleo Tutela sul Lavoro dell’Arma dei Carabinieri e le altre Amministrazioni che hanno compiti di Vigilanza sul Lavoro.

I numeri

  • Backup dei dati previdenziali di 57 milioni di persone
  • I sistemi della Ragioneria Generale dello Stato e della Corte dei conti gestiscono, per ogni esercizio finanziario, 7.200 capitoli di spesa e 1.000 di entrata e circa 2.800 decreti di variazione alle scritture di bilancio
  • I sistemi della Corte dei conti, per l’area “Finanza Locale”, gestiscono per circa 8.500 enti una media di 18.000 questionari e di 15.000 rendiconti l'anno, mentre per l’area  “Risorse umane” gestiscono circa 3.500 dipendenti
  • 25 milioni di cedolini emessi annualmente per oltre 1.900.000 di dipendenti pubblici
  • Il sistema informativo dell’Istruzione è utilizzato da 75.000 dipendenti e gestisce 800.000 docenti, oltre 7 milioni di alunni, 25.000 sedi scolastiche; 1.700.000 famiglie hanno iscritto i propri figli alla scuola scelta
  • Gestione del Sistema VIS per scambio di dati relativi ai visti di ingresso nello Spazio Schengen tra gli Stati partecipanti: emissione media da parte dell’Italia di oltre 2.000.000 di visti annui.

Principali Clienti

  • Equitalia Servizi
  • Ministero degli Affari Esteri
  • Ministero della Giustizia
  • Corte dei conti
  • Ministero dell’Interno
  • Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca
  • Poligrafico e Zecca dello Stato
  • Ministero per i Beni e le Attività Culturali
  • Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • Consip
  • Sogei
  • Ministero dell’Economia e delle Finanze
  • Anac
  • INPS
  • INAIL